Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



AUTORIZZAZIONE ALL'ALIENAZIONE DEI TERRENI CIVICI



 Ultimo aggiornamento: 08-11-2013

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoAUT102
TIPOLOGIA
Autorizzazioni, Concessioni Autorizzazioni, Concessioni
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Direttive operative per l'azione amministrativa e la gestione dei procedimenti in materia di usi civici

Con l'alienazione, la proprietà dei terreni civici viene trasferita dal Comune ad altri soggetti a fronte del pagamento di un corrispettivo. Il corrispettivo è rappresentato dal valore venale del bene, tenendo conto delle eventuali favorevoli prospettive di incremento per urbanizzazione o valorizzazione turistica e previa valutazione dell'Agenzia del territorio (il corrispettivo, e comunque ogni altro provento che deriva dall'alienazione, verrà destinato ad opere permanenti di interesse generale della popolazione, cioè per scopi che determinano un reale e diretto beneficio per la collettività anche non comportanti la realizzazione di opere fisiche).

L'alienazione deve perseguire finalità di pubblico interesse e può essere autorizzata solo quando i terreni per i quali si richiede non siano più convenientemente utilizzabili per l'esercizio del diritto di uso civico*, in forma tradizionale e non. L'autorizzazione all'alienazione, inoltre, può essere concessa esclusivamente nei casi in cui è impossibile realizzare gli stessi obiettivi ricorrendo all'istituto del mutamento di destinazione. Se l'unico motivo che impedisce l'autorizzazione al mutamento di destinazione è la mancata approvazione del Piano di valorizzazione e recupero delle terre civiche, l'autorizzazione all'alienazione non può, comunque, essere concessa.
Le finalità perseguite, inoltre, devono essere realizzate nel termine fissato dalla deliberazione della Giunta regionale con la quale si autorizza l'alienazione (in difetto le terre sono retrocesse di diritto all'alienante, con ritorno al regime demaniale civico, al quale è riservato il diritto di prelazione in caso di alienazione del bene nel biennio successivo. Tali clausole devono essere inserite nel contratto di compravendita anche ai fini della trascrizione).

Il Comune deve presentare la richiesta di autorizzazione al Servizio territoriale di Argea competente per territorio che verifica l'adeguatezza della documentazione prodotta ed entro 30 giorni richiede l'eventuale documentazione integrativa.
Se necessario il Servizio territoriale effettua un sopralluogo, del quale va sempre redatto verbale di accertamento tecnico controfirmato dal rappresentante del Comune.

Entro 60 giorni dalla ricezione della domanda o della documentazione integrativa, il dirigente adotta la determina di proposta di accoglimento della richiesta o di rigetto.
In caso di esito positivo e di proposta di accoglimento della domanda, entro 15 giorni il Servizio territoriale inoltra la determina di accoglimento alla Direzione generale di Argea, al Comune (a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento) e all'Assessorato dell'Agricoltura.

Sulla base di apposita delibera di Giunta, l'Assessore regionale dell'Agricoltura adotta il decreto di autorizzazione all'alienazione e lo trasmette al Comune per la pubblicazione nell'albo pretorio dove dovrà restare per almeno 15 giorni.

I comuni della Sardegna

60 giorni dalla ricezione della richiesta o della documentazione integrativa

- richiesta di autorizzazione all'alienazione;
- deliberazione del Consiglio comunale che attesti l'avvenuta pubblicazione all'albo pretorio del Comune della richiesta di autorizzazione (approvata, motivata, con l'indicazione delle finalità perseguite e del termine proposto per la realizzazione delle stesse che verrà stabilito con la deliberazione della Giunta regionale con la quale si autorizza la richiesta di alienazione);
- relazione tecnico amministrativa;
- planimetrie e visure catastali dei terreni oggetto dell'alienazione e planimetrie in scala catastale con l'indicazione delle coordinate dei vertici del poligono che costituisce l'area interessata all'alienazione quando questa non riguardi un intero mappale;
- ogni ulteriore atto che il Comune ritiene indispensabile (compreso l'eventuale regolamento comunale di gestione se già approvato).

La documentazione deve essere inviata al Servizio territoriale di Argea competente per territorio.

Oneri per la trascrizione alla Conservatoria dei registri immobiliari

*L'uso civico è il diritto che appartiene ai residenti di un Comune di utilizzare terreni pubblici e privati, rispettando valori ambientali e risorse naturali.

Ufficio: Servizi territoriali di Argea (consulta l'elenco nel campo allegati)


Ufficio: Ufficio per le relazioni con il pubblico di Argea
via Caprera n. 8, 09123 Cagliari
Telefono: 070 6026 2217/2067/2214
Fax: 070 6026 2404

torna all'inizio del contenuto