Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



Contributi agli enti utilizzatori di lavoratori socialmente utili per l'esternalizzazione di servizi pubblici



 Ultimo aggiornamento: 07-06-2019

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoCON244
TIPOLOGIA
Sussidi, Contributi, Agevolazioni Sussidi, Contributi, Agevolazioni
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Incentivi per la stabilizzazione occupazionale dei lavoratori socialmente utili - Delibera della Giunta regionale n. 33/13 del 25/07/2006

La Regione ha previsto un sistema di incentivi per la stabilizzazione occupazionale dei lavoratori socialmente utili. In particolare, possono usufruire dei contributi regionali gli enti pubblici che, attraverso l’esternalizzazione di servizi pubblici, favoriscono l’assunzione di LSU da parte delle aziende aggiudicatarie degli appalti.
Compatibilmente alle disponibilità di bilancio, agli enti è riconosciuto, per un massimo di 3 anni, un contributo pari a 5 mila euro all’anno per ogni LSU assunto, da erogare in quote annuali anticipate.

Il Servizio lavoro invia agli enti pubblici che hanno già dichiarato la loro disponibilità alla stabilizzazione una nota informativa contenente gli indirizzi definiti dalla Giunta regionale riguardo alla stabilizzazione degli LSU, dopodiché gli enti possono presentare la domanda di contributo.
Il Servizio esamina la documentazione e, in caso di esito positivo dell’istruttoria, predispone la determinazione di concessione del contributo, dandone comunicazione all'Ente beneficiario.
Per l’erogazione delle quote successive alla prima gli enti devono ripresentare la domanda di contributo, confermando la permanenza in servizio dei lavoratori.

comuni, province e loro consorzi che, attraverso l'esternalizzazione di servizi pubblici, favoriscano l'assunzione di lavoratori socialmente utili (LSU) da parte delle aziende aggiudicatarie degli appalti.

gli LSU devono avere le caratteristiche indicate all'art. 12 del decreto legislativo n. 468 del 1° dicembre 1997 (vedi sezione normativa).

Il contributo non può essere richiesto per i casi di affidamento di servizi alle società con capitale interamente pubblico, per i quali esistono altre forme di agevolazione regionale.

- domanda di contributo, da compilare sul modulo predisposto dall'Assessorato del Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale;
- dichiarazione che contenga l’elenco dei lavoratori assunti dalle aziende private, con relative date di assunzione, e che ne attesti la permanenza in servizio.

La documentazione deve essere inviata, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, al seguente indirizzo:
Assessorato del Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Servizio lavoro
via XXVIII febbraio, 5
09131 Cagliari

le domande di contributo sono istruite e finanziate secondo l’ordine di presentazione, sino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Direzione generale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Ufficio: Referente: Mauro Cois
Via San Simone 60 (piano 8°) – 09122 Cagliari
Telefono: 070/6065385
Fax: 070/6065624

torna all'inizio del contenuto