Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



Contributi in conto canoni, conto capitale e riduzione dei costi di garanzia per le operazioni di locazione finanziaria agevolata



 Ultimo aggiornamento: 22-01-2019

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoCON288
TIPOLOGIA
Sussidi, Contributi, Agevolazioni Sussidi, Contributi, Agevolazioni
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Legge n. 240/81, art. 23

Per promuovere la qualificazione e lo sviluppo dell'artigianato sardo e la sua integrazione con la programmazione economica della Regione, l'amministrazione regionale ha costituito un Fondo, gestito da Artigiancassa, per la concessione di:
- contributi in conto canoni previsti dall'art. 23, comma 1 della legge 21 maggio 1981, n.240 sulle operazioni di locazione finanziaria effettuate in favore delle imprese artigiane;
- contributo per la riduzione dei costi di garanzia rilasciata su un’operazione di leasing da un Confidi ex art. 13 del D.L. 30.9.2003, n. 269 e L. 24.11.2003, n. 326
- contributo in conto capitale, in applicazione dell’art.15, comma 7 della Legge n.144/1999, calcolato sulle sole spese già sostenute al momento della presentazione della domanda di agevolazione

Per operazioni di locazione finanziaria si intendono le operazioni di locazione di beni mobili e immobili, acquistati o fatti costruire dal locatore, su scelta e indicazione del conduttore, che ne assume tutti i rischi, e con facoltà per quest'ultimo di divenire proprietario dei beni locati al termine della locazione, dietro versamento di un prezzo prestabilito.

Le operazioni di locazione finanziaria, sulle quali possono essere concessi contributi in conto canoni, devono avere per oggetto l’acquisto, la costruzione, la ristrutturazione e/o l’ampliamento di locali (locazione finanziaria immobiliare), macchine, attrezzi strumentali e automezzi (locazione finanziaria mobiliare e di automezzi), incluse le spese per gli impianti e le attrezzature connesse al sistema informatico e delle comunicazioni, posti al servizio esclusivo dell’attività artigiana dell’impresa.

La dichiarata e documentata destinazione aziendale del bene oggetto del finanziamento deve essere mantenuta per tutta la durata dell’agevolazione a pena di revoca. Il bene deve essere posto al servizio esclusivo dell’attività artigiana dell’impresa.

Le imprese interessate ad ottenere gli incentivi devono presentare la domanda di ammissione con la relativa documentazione via web, tramite le Società di locazione finanziaria, le Banche che svolgono direttamente attività di leasing e le Associazioni Artigiane di categoria abilitate (Soggetto presentatore), alla sede regionale dell'Artigiancassa, che la sottopone, nel rispetto dell'ordine cronologico di ricezione, all'esame del Comitato tecnico regionale per la Sardegna (CTR). Della Delibera del CTR che approva l’ammissione al contributo in conto canoni è data comunicazione, unitamente all’indicazione del responsabile dell'unità organizzativa competente per la gestione delle agevolazioni, alla società e all’impresa beneficiaria.

Qualunque sia la maggior durata dei contratti di locazione finanziaria, quella ammissibile al contributo in conto canoni non può essere superiore a dodici anni, se riguarda beni immobili e a sei anni, se riguarda beni mobili (per imprese di nuova costituzione rispettivamente 15 e 8 anni)
Il contributo per la riduzione dei costi di garanzia è pari allo 0,50% annuo dell’importo del finanziamento, per un massimo di 5 anni.

I contributi sono erogati direttamente all’impresa in unica soluzione in forma attualizzata.

L’erogazione dei contributi e condizionata alla verifica della regolarità contributiva (DURC), Equitalia ed antimafia.

Artigiancassa si riserva la facoltà di accertare direttamente sia presso la società che presso l'impresa, la sussistenza per tutta la durata del contratto di locazione finanziaria, delle condizioni e finalità dell’operazione ammessa al contributo in conto canoni.

Imprese artigiane, costituite anche in forma cooperativa o consortile, con esclusione di quelle appartenenti ai settori riportati nell'appendice n. 1 all’interno dell’ Allegato 2 della Del.G.R. n. 15/21 del 27/03/2018.

Iscrizione all'albo delle imprese artigiane di cui alla legge n. 443/1985

Entro il termine di 6 mesi dalla data di decorrenza del contributo in conto canoni.

- domanda di ammissione al contributo in conto canoni, compilata dall’impresa artigiana e dal Soggetto presentatore, per le parti di rispettiva competenza, e trasmessa dal Soggetto presentatore alla sede regionale dell’Artigiancassa – Ufficio regionale per la Sardegna -;
- copia conforme al verbale di consegna sottoscritto dall’impresa contenente la descrizione, la data e il luogo di consegna dei beni;
- planimetria dei locali con l'indicazione della loro singola destinazione, nel caso di operazioni di locazione finanziaria immobiliare;
- nel caso di operazioni aventi ad oggetto macchine, attrezzi strumentali e automezzi usati devono essere prodotte:
a) una dichiarazione del venditore che attesti l’origine esatta del materiale e che confermi che lo stesso, nel corso degli ultimi sette anni, non ha mai beneficiato di altre agevolazioni nazionali o comunitarie;
b) una dichiarazione di un perito iscritto all’Albo professionale che attesti che il prezzo del materiale usato non è superiore al suo valore di mercato ed è inferiore al costo del materiale simile nuovo; le caratteristiche tecniche del materiale usato sono adeguate alle esigenze dell’azienda e sono conformi alle norme.

Assessorato del turismo, artigianato e commercio
Direzione generale del turismo, artigianato e commercio
Servizio sostegno alle imprese
Viale Trieste, 105- 09123 Cagliari
Telefono: 070/6067632
Fax: 070/6067760
Orari di ricevimento: Sede regionale dell'Artigiancassa - Via Semelia s.n.c. - ang. Viale Elmas 33/35 09123 Cagliari tel. 070-674009

torna all'inizio del contenuto