Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



CONTRIBUTI PER LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE STRUTTURE RICETTIVE



 Ultimo aggiornamento: 20-08-2015

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoCON321
TIPOLOGIA
Sussidi, Contributi, Agevolazioni Sussidi, Contributi, Agevolazioni
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

PO FESR 2007/2013 - Linea di intervento 4.2.2.a "Adattamento delle caratteristiche strutturali delle attività del settore turistico e promozione dei progetti di investimento finalizzati al risparmio energetico ed al miglioramento dell’impatto ambientale".

La Regione concede agevolazioni alle piccole e medie imprese per promuovere la diffusione della certificazione ambientale ecolabel europeo presso le strutture ricettive alberghiere e i campeggi a 3, 4 e 5 stelle collocati nel territorio della Sardegna.

Gli interventi ammissibili alle agevolazioni riguardano, nello specifico, l’acquisizione delle competenze qualificate e le dotazioni necessarie per migliorare la gestione ambientale della struttura ricettiva e funzionali all’ottenimento del marchio ecolabel europeo per i Servizi di ricettività turistica o dell’ecolabel europeo per i Servizi di campeggio quali la predisposizione di sistemi di gestione ambientale, la realizzazione di interventi di adeguamento delle strutture, servizi di consulenza, assistenza tecnica e comunicazione.

Il contributo pubblico non potrà comunque essere superiore ad € 50.000,00.

Dopo la presentazione delle domande da parte delle imprese interessate, il Bic provvederà alla verifica della loro ammissibilità formale. Le domande che avranno superato la verifica di ammissibilità formale, saranno sottoposte a
valutazione di merito e di coerenza del progetto proposto.

Ad esito dell’istruttoria il Servizio gestione progetti nazionali e comunitaridell’Assessorato del Turismo pubblicherà la graduatoria delle domande ammesse sul Buras e sul sito istituzionale della Regione e comunicherà l’esclusione alle imprese non ammissibili o le cui domande siano state istruite con esito negativo, specificando le motivazioni.

La concessione delle agevolazioni avverrà sulla base della graduatoria delle domande sino ad esaurimento delle risorse disponibili. Il provvedimento di concessione provvisoria sarà trasmesso ai beneficiari tramite raccomandata A/R o posta elettronica certificata entro 30 giorni dalla pubblicazione della
graduatoria e conterrà la previsione dell’assunzione dei seguenti obblighi per l’impresa beneficiaria.

Le agevolazioni saranno erogate subordinatamente all’effettiva realizzazione degli investimenti ritenuti ammissibili e sulla base della documentazione di spesa e verranno erogate in un numero massimo di due stati di avanzamento lavori(anticipazione e saldo).

L’impresa dovrà completare il programma d’investimenti entro 9 mesi dalla data del provvedimento di concessione provvisoria delle agevolazioni. Entro 45 giorni dal completamento del programma, l’impresa dovrà presentare tutta la documentazione finale di spesa.

Gli interventi dovranno necessariamente concludersi con l’ottenimento della certificazione ecolabel europeo da parte delle strutture ricettive.

Possono beneficiare degli aiuti le PMI regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese aventi localizzazione produttiva in Sardegna e operanti in uno dei seguenti settori della classificazione Istat Ateco 2007:

- alberghi (55.10.00)
- villaggi turistici (55.20.10)
- aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte (55.30.00).

Sono escluse dagli aiuti le imprese operanti nei seguenti settori:
- aiuti concessi a imprese attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura;
- aiuti concessi a imprese attive nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli;
- aiuti concessi a imprese attive nella trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;
- aiuti ad attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri;
- aiuti condizionati all'impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti d'importazione;
- aiuti ad imprese attive nel settore carboniero;
- aiuti destinati all'acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto di merci su strada per conto terzi;
- aiuti concessi a "imprese in difficoltà".
Sono, inoltre, escluse le imprese destinatarie, nei tre anni precedenti la data di presentazione della domanda, di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dalla Regione Autonoma della Sardegna, ad eccezione di quelle derivanti da rinunce e le imprese destinatarie di un ordine di
recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara un aiuto illegale e incompatibile con il mercato comune.

Le imprese beneficiarie per essere ammissibili devono:
- gestire le strutture ricettive oggetto degli interventi;
- attestare che le strutture oggetto d’intervento sono classificate alla data di presentazione della domanda come albergo, villaggio albergo, albergo diffuso e albergo residenziale (Aziende ricettive alberghiere); (3, 4 o 5 stelle), “villaggi turistici” e “campeggi” (3 o 4 stelle), (Aziende ricettive all’aria aperta) e sono situate nel territorio della Sardegna;
- avere la piena disponibilità delle strutture oggetto degli interventi per cui si chiede il contributo;
- attestare la disponibilità delle suddette strutture per un periodo di almeno 7 anni decorrente dal momento di presentazione della domanda;
- impegnarsi a garantire un periodo di apertura al pubblico annuale di almeno 5 mesi ed impegnarsi in tal senso per i 5 esercizi successivi alla presentazione della domanda;
- trovarsi in regime di contabilità ordinaria, ad eccezione delle micro imprese che sono ammissibili alle agevolazioni anche se operano in regime di contabilità semplificata;
- operare nel rispetto delle vigenti norme edilizie ed urbanistiche, del lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla salvaguardia dell’ambiente, con particolare riferimento agli obblighi contributivi.

Le piccole e medie imprese interessate dovranno far pervenire le domande entro le ore 13 del 15 aprile 2013 tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, posta celere o corriere espresso all’indirizzo:

Agenzia Sardegna Impresa e Sviluppo
Bic Sardegna S.p.A.
Via Cesare Battisti, 14 - 09123 Cagliari

Nella busta dovrà essere indicata la seguente dicitura “PO FESR SARDEGNA 2007- 2013- Linea 4.2.2.a –“Promozione e diffusione del marchio di qualità Ecolabel Europeo. Domanda di partecipazione”. La domanda non può essere consegnata a mano.

Domanda firmata dal legale rappresentante dell'impresa e accompagnata dalla fotocopia del documento di identità completa di:
- relazione descrittiva dell’intervento proposto, sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa richiedente e, se presente, dal consulente in materia di certificazione ambientale individuato, contenente la descrizione del piano di lavoro e degli investimenti da redigersi secondo il modello allegato al Bando (Allegato B.1);
- curriculum vitae dei professionisti e consulenti le cui prestazioni sono inserite nel piano di spesa e relativo preventivo; i preventivi dovranno contenere una chiara descrizione dell’oggetto della prestazione e dei tempi e modi di esecuzione, dovranno contenere l’indicazione dei compensi previsti ed avere data successiva alla pubblicazione del presente Bando;
- per le spese di consulenza in materia di certificazione ambientale, dovrà essere allegata dichiarazione del consulente o della società di consulenza, accompagnata da fotocopia del documento d’identità del consulente e/o amministratore legale della società di consulenza, attestante il possesso delle necessarie competenze e, in particolare di aver maturato almeno 5
anni d’esperienza in materia di certificazioni ambientali da redigersi secondo il modello allegato (Allegato B.2);
- per tutte le voci di costo diverse dalle consulenze dovranno essere forniti almeno n. 3 preventivi resi da fornitori svolgenti in via principale l’attività oggetto della fornitura. I preventivi dovranno contenere una chiara descrizione dell’oggetto della fornitura e dei tempi e modi di esecuzione,
dovranno contenere l’indicazione delle quantità unitarie e dei costi unitari (al netto di IVA) ed avere data successiva alla pubblicazione del bando;
- per le spese relative ad opere murarie dovrà essere acclusa idonea documentazione progettuale sottoscritta da tecnico abilitato, comprensiva di planimetria catastale degli immobili o porzione di immobili interessati dall’intervento, documentazione fotografica, computo metrico. Tutta la
documentazione dovrà essere datata, sottoscritta e timbrata dal tecnico e sottoscritta dal committente;
- idonea documentazione e/o autocertificazione resa (ai sensi del D.P.R. n. 445/2000) da un tecnico abilitato e dal legale rappresentante dell’impresa richiedente che attesti i titoli abilitativi necessari e/o posseduti per la realizzazione degli interventi, il rispetto dei vincoli edilizi ed urbanistici di ogni singolo immobile oggetto dell’intervento e che la destinazione d’uso degli stessi sia rispondente agli interventi previsti già alla data di presentazione della domanda o che nulla osta all’ottenimento di tutte le necessarie autorizzazioni entro i tempi di realizzazione degli interventi
previsti dal bando; (Allegato B.3);
- in caso il richiedente non disponga della piena proprietà dell’immobile oggetto dell’intervento, dovrà essere prodotta un’autorizzazione alla realizzazione delle opere murarie da parte del/dei proprietari dell’immobile oggetto dell’intervento comprensiva della fotocopia/e leggibile/i, fronte e
retro, di un documento di identità in corso di validità del/i proprietario/i (Allegato B.4);
- idonei titoli aventi data certa e già registrati alla data di inoltro della domanda di agevolazione attestanti la piena disponibilità degli immobili oggetto dell’intervento da parte dell’impresa proponente per almeno 7 anni;
- copia dei bilanci degli ultimi due esercizi approvati. Per i soggetti che a tale data non sono tenuti alla redazione del bilancio, copia della dichiarazione dei redditi relativa agli stessi due esercizi;
- copia delle bollette/fatture o comunicazioni di legge attestanti i consumi idrici ed energetici (compreso gas, gasolio etc.) relativamente all’ultimo esercizio (anno 2012); la mancata trasmissione di tale documentazione comporterà l’impossibilità di attribuire l’eventuale punteggio per la riduzione dei consumi idrici ed energetici.

Tutte le dichiarazioni devono essere sottoscritte con firma leggibile
e in originale, contenere tutti i dati richiesti e devono essere accompagnate da fotocopia leggibile, di un valido documento di identità del dichiarante; nel caso il firmatario sottoscriva più documenti, sarà sufficiente una sola copia del documento d’identità.

Tutti i documenti devono, inoltre, essere forniti in formato digitale su supporto a scelta del richiedente (CD, pen drive, etc) in cui siano riversati i documenti trasmessi anche in un formato editabile.

PER L'EROGAZIONE DELLE AGEVOLAZIONI

Per l’erogazione per stato di avanzamento dei lavori i beneficiari devono dimostrare di aver realizzato almeno il 50% dell’investimento ammesso, e quindi presentare la corrispondente documentazione di spesa, entro 6
mesi dalla data del provvedimento di concessione provvisoria delle agevolazioni. Il BIC eroga per lo stato di avanzamento il 90% della quota di contributo in conto capitale.

Le spese sostenute dai beneficiari devono essere adeguatamente giustificate attraverso la presentazione dell’originale delle fatture, delle note di addebito o di altri documenti contabili fiscalmente validi, debitamente quietanzati ed intestati all’impresa beneficiaria, contenenti il dettaglio dei beni e servizi acquistati.
Sugli originali dei titoli di spesa dovrà essere apposta la seguente dicitura: “Intervento finanziato con risorse POR FESR 2007-2013 – Asse IV, Linea di attività 4.2.2 .a–“Promozione e diffusione del marchio di qualità Ecolabel”.
L’elenco di tutta la documentazione da allegare ai giustificativi di spesa per l’erogazione del contributo nonché per la rendicontazione finale dell’intervento, sarà reso disponibile ai beneficiari a seguito della concessione provvisoria delle agevolazioni.

L’intervento s’intende completato quando, ottenuta la certificazione Ecolabel, è stata pagata l'ultima fattura. Copia della certificazione Ecolabel ottenuta dovrà comunque essere trasmessa dal beneficiario al BIC entro e non oltre 20 giorni dal suo ottenimento.

Ufficio: Agenzia Sardegna Impresa e Sviluppo - Bic Sardegna S.p.A.
Via Cesare Battisti, 14 - 09123 Cagliari
Telefono: 070/278088
Orari di ricevimento: Per eventuali informazioni contattare lo sportello informativo attivato dal Bic Sardegna dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 13

Assessorato del turismo, artigianato e commercio
Direzione generale del turismo, artigianato e commercio
Servizio promozione
Viale Trieste, 105 - 09123 Cagliari
Telefono: 070/6067208
Fax: 070/6067292

torna all'inizio del contenuto