Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



Azioni per lo sviluppo di progetti sperimentali di reti intelligenti nei Comuni della Sardegna.



 Ultimo aggiornamento: 08-01-2019

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoSUS3736
TIPOLOGIA
Non definito
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Attuazione Delib. G.R. n. 63/19 del 25.11.2016.

La procedura di selezione delle proposte è di tipo valutativo a sportello, ovvero:
- L’istruttoria e l’ammissione al finanziamento avviene in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande, tramite posta elettronica certificata, e in base alla valutazione della domanda che dovrà conseguire un punteggio di almeno 60 su 100, fino ad esaurimento delle risorse disponibili;
- L’ammissibilità della domanda è subordinata alla verifica dei requisiti previsti dal Bando e della veridicità delle dichiarazioni rese attraverso controlli puntuali e a campione sulla documentazione e in loco.
La selezione delle proposte viene effettuata da una Commissione di Valutazione costituita da componenti interni all’Amministrazione regionale, nominati con provvedimento del Dirigente della struttura responsabile. La Commissione di Valutazione potrà avvalersi del supporto di soggetti esterni esperti in materia.
L’Amministrazione regionale può richiedere al Comune proponete, una sola volta, i chiarimenti o le integrazioni necessarie rispetto ai dati e documenti forniti, assegnando allo stesso un congruo termine per la risposta, comunque non superiore a 15 giorni. Resta inteso che, in tale evenienza, i termini previsti per lo svolgimento delle attività istruttorie decorrono dal ricevimento dei predetti chiarimenti o delle predette integrazioni.
Salvo sospensioni motivate dell’istruttoria, entro 60 giorni dalla presentazione della domanda, l’Amministrazione regionale comunica al Comune proponente l’esito dell’istruttoria.
Nel caso di mancata trasmissione della documentazione richiesta o di esito negativo delle attività istruttorie, la domanda è rigettata previa comunicazione ai sensi dell’articolo 10 bis della L. n. 241/90 e s.m.i.
Ogni comunicazione inerente il presente procedimento amministrativo è inviata esclusivamente con posta elettronica certificata (PEC).
Le eventuali domande ammissibili, eccedenti quelle finanziabili, potranno essere sovvenzionate in seguito qualora si liberassero risorse.

Ai fini dell'accesso ai finanziamenti previsti dal presente Bando, sono ammissibili le proposte che presentano tutti i seguenti requisiti:
a) Requisiti formali di ricevibilità/esclusione della proposta
- Rispetto delle modalità e della tempistica di presentazione della domanda di contributo previste dal Bando e dagli Avvisi;
- Impegno del proponente a rispettare la normativa in materia di appalti e tutti gli adempimenti dalla stessa previsti;
- Impegno del proponente a rispettare le prescrizioni dell'art. 71 del Reg. (UE) 1303/2013 "Stabilità delle operazioni".
b) Requisiti del soggetto proponente
- Comuni della Sardegna in forma singola, in possesso di un edificio dotato di un impianto fotovoltaico in esercizio e asservito alle utenze della Pubblica Amministrazione;
- Possesso di capacità amministrativa e tecnica per la gestione operativa dell’intervento.
c) Requisiti della proposta
- L’edificio e l’impianto fotovoltaico oggetto dell’intervento devono essere di proprietà del Comune proponente e in uso allo stesso;
- L’impianto fotovoltaico deve avere un potenziale di risparmio energetico sul quale realizzare una micro rete intelligente;
- La proposta deve conseguire un punteggio di qualità di almeno 60 su 100. La valutazione delle proposte è effettuata in base ai criteri indicati nell’Allegato B;
- Non sono ammissibili proposte che utilizzano l’energia prodotta da impianti fotovoltaici fino a 20 kW in scambio sul posto, incentivati con il Primo Conto Energia (D.M. 28.07.2005 e D.M. 6.02.2006);
- Non sono ammissibili proposte a valere su impianti fotovoltaici con efficacia della convenzione revocata o sospesa dal GSE.

dalle ore 09.00 del 25 settembre 2018 fino alle ore 14.00 del 21 dicembre 2018

Per accedere al finanziamento previsto dal presente Bando, i Comuni aventi tutti i requisiti, devono presentare la domanda utilizzando, a pena di esclusione, la modulistica allegata al bando (Allegato A).

I Comuni beneficiari devono sottoscrivere il provvedimento di delega per l’attuazione dell’intervento con i termini e le modalità previste dall’art. 5 della L.R. n. 5/2015 e dalle direttive di attuazione approvate con D.G.R. n. 40/8 del 7.08.2015 e D.G.R. n. 25/19 del 3.05.2016, in particolare l’ente delegato si deve impegnare a:
- Attuare l’intervento nei tempi previsti dal cronoprogramma procedurale e finanziario approvato;
- Osservare la normativa in materia di contratti pubblici, forniture e servizi, e rispettare le norme comunitarie e nazionali relative alla concorrenza, al mercato, all’ambiente e alle pari opportunità;
- Rispettare, nella selezione dei progetti, i criteri previsti nella D.G.R. 63/19 del 25.11.2016 e nel presente Bando;
- Applicare, ove ricorrono, i Criteri Ambientali Minimi (CAM) del Green Public Procurement nelle procedure di affidamento;
- Adottare i patti di integrità nei bandi di gara ai sensi della D.G.R. n. 30/16 del 16.06.2015;
- Nominare il Responsabile Unico del Procedimento (RUP);
- Relazionarsi periodicamente con la struttura responsabile al fine di informare costantemente circa le attività compiute e quelle da compiere per l’attuazione dell’intervento;
- Iscrivere in bilancio, con destinazione vincolata, la risorsa concessa dalla Regione Sardegna, mediante apposito capitolo e istituire apposita contabilità fin dall’emissione del provvedimento di finanziamento da parte dell’Amministrazione regionale;
- Effettuare i pagamenti mediante mandato con evidenza dell’addebito sul c/c di Tesoreria dell’Ente e a rispettare gli obblighi derivanti dall'art. 3 della L. 136/2010 (Tracciabilità dei flussi finanziari) e dall’articolo 11 della L. n. 3/2003 (CUP);
- Provvedere ad una corretta tenuta del fascicolo dell’operazione e archiviazione dei documenti in forma distinta e separata dagli altri atti di amministrazione generale, rapidamente e facilmente consultabile, chiaramente distinta, nell’ambito della documentazione contabile, tra la parte relativa alle opere ammesse a finanziamento;
- Non modificare la destinazione d’uso dell’opera prima che siano trascorsi almeno 5 anni dal suo completamento;
- Rispettare gli obblighi in materia di informazione e comunicazione per i beneficiari di aiuti del POR FESR 2014/2020;
- Rispettare eventuali altri obblighi stabiliti nel provvedimento di delega.
L’importo del contributo ammissibile è determinato in base alla proposta elaborata dal Comune e in base alle valutazioni effettuate dall’Amministrazione regionale.
L’erogazione del contributo avviene secondo le modalità previste dalla D.G.R. n. 25/19 del 3.05.2016, in attuazione dell’art. 5 della L.R. n. 5/2015 e stabilite nel provvedimento di delega.

Assessorato dell'industria
Direzione generale dell'industria
Servizio energia ed economia verde
Via XXIX Novembre 1847, 23 - 09123 Cagliari
Telefono: URP Assessorato Industria: 070 606 7037 Servizio energia ed economia verde: 070 606 2262 – 2411

torna all'inizio del contenuto