Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER L'INSEDIAMENTO E LO SVILUPPO DELLE RESIDENZE ARTISTICHE



 Ultimo aggiornamento: 16-11-2017

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoCUL428
TIPOLOGIA
Finanziamenti Finanziamenti
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Legge regionale n. 1 del 1990 art. 56

L'intervento finanzia gli organismi di spettacolo per sostenere progetti di insediamento e sviluppo di "residenze artistiche": spazi di creazione artistica e programmazione culturale del territorio, gestiti da professionisti della produzione e della programmazione di spettacoli dal vivo.

Questi gli obiettivi:

- mobilità e permanenza degli artisti ovvero azioni interregionali destinate a sostenere l’attraversabilità dei luoghi di residenza da parte di artisti e formazioni “non titolari” delle residenze stesse, per assicurare nuove e più incisive opportunità artistiche, attraverso periodi e processi di lavoro dedicati alla genesi, allo sviluppo e al potenziamento di progetti creativi, al confronto, alla ricerca e alla qualificazione delle professionalità artistiche coinvolte;

- valorizzazione delle giovani generazioni e degli artisti emergenti attraverso il sostegno alla circolazione delle opere, alla loro riconoscibilità e ad un più incisivo inserimento nel mercato nazionale e internazionale; Ovvero azioni interregionali destinate ad assicurare opportunità sostenibili e non episodiche alle produzioni degli artisti coinvolti nei processi di residenza e loro visibilità nel sistema complessivo dello spettacolo dal vivo;

- realizzazione di progetti originali nella relazione con i propri territori per avviare, sviluppare, o consolidare la funzione ed il valore dello spettacolo dal vivo presso le comunità di riferimento anche in sinergia con la presenza e la funzione svolta da altri soggetti della filiera artistica, culturale, formativa di ciascun territorio.

A seguito della verifica dei requisiti di ammissibilità delle domande da parte del Servizio Sport, spettacolo e cinema, una Commissione nominata con provvedimento del Direttore Generale dei Beni Culturali, procederà alla valutazione dei progetti presentati e alla elaborazione di una graduatoria degli stessi.

La graduatoria dei progetti ammessi, redatta dalla Commissione di valutazione, verrà approvatacon apposito atto dirigenziale con il quale verrà anche assegnato il contributo spettante che verrà pubblicato sul sito istituzionale.

Il contributo non potrà superare il limite massimo di 40.000 euro nonché il limite della singola richiesta.

Titolari delle residenze artistiche: soggetti professionali che svolgono attività di residenza mirata a consolidare il rapporto tra spazio attrezzato gestito con carattere di continuità, comunità di riferimento e ricerca creativa degli artisti accolti negli ambiti del teatro, della danza, musica o multidisciplinare.

- avere sede legale e operativa nel territorio regionale;
- avere scopi statutari riguardanti la produzione, la promozione, la distribuzione in uno o più generi di spettacolo nei settori del teatro, della musica e della danza;
- operare in modo esclusivo e continuativo in uno o più dei precedenti settori di spettacolo da almeno 5 anni con programmazione regolare per la maggior parte dell’anno solare, fatta eccezione per gli organizzatori di rassegne e festival che concentrano la loro attività in periodi brevi e definiti, i quali dovranno comunque garantire nel tempo di svolgimento della manifestazione un minimo di dieci spettacoli diversi. Per programmazione regolare deve intendersi la rappresentazione di almeno uno spettacolo al mese, o 15 spettacoli
nell’arco di sette mesi consecutivi, o 30 spettacoli distribuiti nell’arco dell’anno;
- rappresentare le manifestazioni di spettacolo in luogo pubblico o aperto al pubblico, a cui si deve poter accedere liberamente, senza vincolo di tesseramento associativo;
- avere una struttura tecnico-organizzativa efficiente (per struttura s’intende
un’organizzazione di mezzi e persone stabilmente e continuativamente impegnate in attività teatrali, musicali e di danza come da scopi statutari) con una sede operativa (che può coincidere con la sede legale) e legale (da intendersi distinta da quella dei soci); quotidianamente aperta, nella quale opera almeno una figura professionale con contratto a tempo indeterminato full time (tempo pieno), oppure almeno due figure professionali amministrativo – organizzative con contratto a tempo indeterminato part-time (tempo parziale);
- avere un direttore artistico in esclusiva regionale nell’ambito degli Organismi finanziati con l’art. 56 Legge regionale n. 1/90, in possesso di comprovata professionalità ed esperienza nel settore artistico di riferimento, documentata da apposito curriculum;
- aver utilizzato regolarmente i contributi concessi dall’Assessorato nel quinquennio precedente: non sia stato disposto alcun provvedimento di revoca o di disimpegno la cui entità sia pari o superiore alla percentuale del 20% del contributo concesso;
- aver presentato regolare rendiconto entro e non oltre il termine perentorio della scadenza fissata per il 28 febbraio di ogni anno;
- non essere incorsi nelle sanzioni previste dal Capo VI del D.P.R. 28.12.2000, n. 445;
- essere in regola con gli adempimenti contributivi e fiscali, e quelli relativi al rispetto dei contratti collettivi nazionali di lavoro;
- essere iscritti all’Ente previdenziale di competenza e avere adempiuto ai relativi obblighi contributivi. Devono essere, altresì, iscritti i singoli associati e collaboratori dell’Organismo.
Le formazioni dilettantistiche o amatoriali, per le quali non è richiesto il certificato di agibilità (e non vi è obbligo contributivo), sono escluse dal beneficio contributivo in quanto viene a mancare il fondamentale requisito della professionalità.

- Domanda di partecipazione in bollo (salvo i casi di esenzione) sottoscritta dal legale rappresentante;
- scheda conoscitiva del soggetto proponente, sottoscritta dal legale rappresentante dell’organismo richiedente, dalla quale si evinca la capacità culturale e tecnicoorganizzativa dell’organismo e curriculum degli ultimi 5 anni (All. 1);
- la scheda conoscitiva del progetto di residenza contenente le sue caratteristiche e i contenuti artistici e culturali, indicazione della/e compagine/i artistica coinvolta, i curricula e l’elenco dei componenti, il cronoprogramma delle attività comprese quelle collaterali e il piano di comunicazione ecc. In tale documento, devono essere indicati anche gli obiettivi
culturali che si intendono perseguire e i risultati attesi (All. 2);
- piano finanziario delle entrate e delle uscite per l’anno 2016 e per l’anno 2017 (All.3);
- scheda spazio residenza (All. 4);
- copia conforme all’originale del verbale della deliberazione dell’organo statutario di approvazione del progetto e del relativo piano finanziario;
- atto costitutivo e relativo statuto dell’organismo richiedente in copia conforme all’originale, tale documentazione non deve essere allegata qualora sia già in possesso dell’Ufficio;
- copia del documento d’identità del rappresentante legale dell’organismo.

Ciascun organismo può presentare una sola domanda di finanziamento per un unico progetto di residenza.

Marca da bollo da applicare alla domanda di partecipazione

Le formazioni dilettantistiche o amatoriali sono escluse dal beneficio contributivo in quanto viene a mancare il fondamentale requisito della professionalità.

Ulteriori informazioni sul progetto interregionale possono essere reperite sul sito internet dedicato www.residenzeartistche.it

Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport
Direzione generale dei beni culturali, informazione, spettacolo e sport
Servizio sport, spettacolo e cinema
Viale Trieste, 186 - 09123 Cagliari
Telefono: 070/6064236
Fax: 070/6065002
Orari di ricevimento: Dal lunedì al venerdi, dalle ore 11,00 alle ore 13,00; i pomeriggi di martedì e di mercoledì dalle ore 16,00 alle ore 17,00

Ufficio: Referenti:
Dott.ssa Cristiana Melis (Tel. 070/6065048 - email crmelis@regione.sardegna.it); Rag. Mercedes Valenti (Tel. 070/6064502 – email mvalenti@regione.sardegna.it)

torna all'inizio del contenuto