Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



Albo regionale del Servizio civile nazionale: accreditamento e iscrizione degli enti e delle organizzazioni



 Ultimo aggiornamento: 16-07-2019

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoASS50
TIPOLOGIA
Iscrizioni, Registri, Graduatorie Iscrizioni, Registri, Graduatorie
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

-

Per attivare progetti di servizio civile è necessario ottenere l’accreditamento e l’iscrizione al relativo albo (vedi nota 2). L'accreditamento consiste nell’accertamento del possesso di adeguati requisiti strutturali e organizzativi e delle competenze e risorse specificamente destinate al Servizio civile nazionale. Tali requisiti sono ritenuti necessari per la presentazione dei progetti, la loro corretta attuazione e la formazione dei giovani che volontariamente collaboreranno alla realizzazione dei progetti presentati.

L'ufficio regionale competente provvederà all'istruttoria delle richieste e ad accogliere o respingere le domande di accreditamento, dandone comunicazione all'ente.
In caso di esito positivo, l'ente sarà accreditato per la presentazione dei progetti di Servizio civile nazionale e iscritto nell'albo degli enti accreditati, nella classe richiesta oppure in quella risultante dall'istruttoria.

Una volta iscritto all'albo, l'ente è obbligato a mantenere i requisiti e a comunicare qualsiasi variazione riguardante i dati anagrafici, le sedi di attuazione di progetto e le figure previste, in modo da consentire all'ufficio regionale di valutare la validità degli stessi e il permanere dell'ente nella classe di accreditamento alla quale è iscritto.
L'ufficio regionale verifica la persistenza dei requisiti per l'accreditamento anche mediante i controlli previsti dal Decreto ministeriale del 6 maggio 2015 (vedi sezione normativa).
Il venir meno anche di uno solo dei requisiti richiesti per l'accreditamento comporta la cancellazione dell'ente dall'albo.

- enti e organizzazioni privati;
- enti pubblici, enti locali e loro aggregazioni (unioni di comuni, associazioni e consorzi tra enti locali, aziende sanitarie e aziende ospedaliere, ad esclusione dei piani di zona, che non sono accreditabili).

Gli enti e le organizzazioni pubblici e privati sono iscrivibili autonomamente all'albo regionale se non legati da accordi di partenariato ad altro ente di servizio civile.

Per ottenere l'accreditamento, gli enti e le organizzazioni devono:
- avere sede legale in Sardegna e sedi di attuazione di progetto in non più di altre tre regioni;
- non avere scopo di lucro;
- (per le organizzazioni private) avere finalità statutarie corrispondenti a quelle previste dalla Legge n. 64 del 6 marzo 2001 (vedi sezione normativa), ossia difesa della Patria con mezzi e attività non militari; realizzazione dei princìpi costituzionali di solidarietà sociale; partecipazione alla salvaguardia e alla tutela del patrimonio nazionale; contributo alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani mediante attività svolte nei settori assistenza; ambiente; educazione e promozione culturale; patrimonio artistico e culturale; protezione civile;
- possedere capacità organizzativa e possibilità di impiego in rapporto al Servizio civile nazionale. In particolare, è necessario possedere un indirizzo e-mail e uno di posta elettronica certificata (pec), la firma digitale, un proprio sito web con pagina dedicata al Servizio civile e la capacità di gestione informatica di comunicazioni e banche dati;
- svolgere un’attività continuativa da almeno tre anni.

Ogni ente o organizzazione può essere iscritto in una sola sezione dell'albo ed esclusivamente per i settori di intervento (assistenza, ambiente, educazione e promozione culturale, patrimonio artistico e culturale, protezione civile) desumibili dalle leggi istitutive e dagli statuti.

180 giorni dalla data di ricezione della domanda da parte dell’Assessorato del Lavoro.

la presentazione delle domande di accreditamento non ha vincoli temporali.

La domanda di accreditamento deve essere presentata in modalità totalmente online tramite il sistema Helios. Prima di compilare la domanda è necessario effettuare le seguenti operazioni:
– compilare il modulo di domanda (Mod. Rich.) per richiedere il codice di utenza e la password di accesso al sistema Helios e inoltrarlo, tramite pec, al Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale all'indirizzo dgioventuescn@pec.governo.it, unitamente alla copia di un valido documento di identità del richiedente. Codice di utenza e password saranno inviati dal Dipartimento, tramite e-mail all'indirizzo dichiarato nella domanda, entro tre giorni lavorativi dalla richiesta;
- accedere al sistema Helios utilizzando esclusivamente il codice di utenza e la password ricevuti, quindi inserire tutte le informazioni e la documentazione prevista per la classe di iscrizione richiesta, seguendo le istruzioni del manuale consultabile dalla sezione modulistica. Al termine dell'inserimento di tutti i dati, occorrerà scegliere la funzione "Presenta" e il sistema rilascerà un documento comprovante l’avvenuta presentazione della richiesta e un codice alfanumerico (NZ0….).

Concluse queste operazioni preliminari, l’ente o organizzazione dovrà presentare al Servizio coesione sociale dell’Assessorato del Lavoro la domanda di accreditamento all'albo (Mod. 1b). Tale domanda dovrà essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell'ente o da un suo delegato (in questo caso dovrà essere allegato l'atto di delega) e, completa del documento rilasciato dal sistema Helios, presentata esclusivamente tramite pec all’indirizzo lav.serviziocivile@pec.regione.sardegna.it

Oltre alla domanda, l’ente o organizzazione dovrà presentare al Servizio:
- la "Carta di impegno etico del Servizio civile nazionale", firmata dal responsabile legale dell’ente;
– una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui il responsabile legale dell’ente attesta il titolo giuridico in base al quale questo dispone di ciascuna sede di attuazione di progetto (proprietà, locazione,…) e dichiara che le stesse rispettano tutti i requisiti e le disposizioni contenute nell’attuale normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Alla dichiarazione dovranno essere allegate la scheda con l’elenco delle sedi e copia di un documento di riconoscimento del dichiarante;
- la documentazione specifica per la classe di iscrizione richiesta (vedi nota 1), ossia quella indicata nella scheda A per la quarta classe, nella scheda B per la terza, nella scheda C per la seconda e nella scheda D per la prima (vedi sezione allegati);
– accordo di partenariato per gli associati agli enti di 1° e 2° classe.

1) Gli enti e le organizzazioni sono raggruppati in classi di accreditamento:
a) la quarta classe riguarda gli enti che gestiscono da 1 a 5 sedi di attuazione di progetto e hanno una possibilità massima di impiego di 20 volontari;
b) la terza classe raggruppa gli enti che gestiscono da 6 a 25 sedi di attuazione di progetto e hanno una possibilità massima di impiego di 100 volontari;
c) la seconda classe raggruppa gli enti che gestiscono da 26 a 100 sedi di attuazione di progetto e hanno una possibilità massima di impiego di 400 volontari;
d) la prima classe raggruppa gli enti che gestiscono più di 100 sedi di attuazione di progetto e hanno una possibilità massima di impiego pari al 10% del contingente annuo dei volontari.

2) L’albo regionale degli enti e delle organizzazioni di Servizio civile nazionale è suddiviso nelle seguenti sezioni:
- nella sezione A sono iscritti gli enti pubblici e le organizzazioni private no profit di rilevanza regionale (enti con sede legale nella Regione e sedi d’attuazione dei progetti in non più di altre 3 regioni);
- nella sezione B sono iscritte le sedi d'attuazione di progetto di enti iscritti in altri albi regionali o provinciali (enti con sede legale in altre regioni o province autonome e sedi d’attuazione dei progetti in non più di altre 3 regioni tra le quali, in questo caso, la Sardegna);
- nella sezione C sono iscritte le sedi d'attuazione di progetto di enti iscritti all’albo nazionale (enti con sedi d’attuazione dei progetti in almeno 5 tra regioni e province autonome).

Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Direzione generale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale
Ufficio: Referente: Assunta Marras
Via San Simone 60 ( piano 6°) - 09122 Cagliari
Telefono: Tina Marras 070/6065806 - Catia Becuzzi 070/6065516

torna all'inizio del contenuto