Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



PARERI PREVENTIVI PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE FOGNARIO-DEPURATIVE PUBBLICHE



 Ultimo aggiornamento: 28-03-2018

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoENT528
TIPOLOGIA
Non definito
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Direttiva regionale in materia di ''Disciplina regionale degli scarichi'' (Delibera della Giunta regionale n. 69/25 del 10/12/2008, art. 25)

La realizzazione di strutture fognario-depurative pubbliche deve essere preceduta da un parere preventivo di conformità al Piano Regionale di Risanamento delle Acque ed al Piano di Tutela delle Acque, rilasciato dalla Regione.

I soggetti interessati devono presentare la richiesta di parere di conformità al Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione della siccità della Direzione generale dell'Agenzia del distretto idrografico. Il Servizio procederà all’istruttoria, con eventuale sopralluogo, e verificherà la conformità dell’intervento proposto al PTA ed ai relativi programmi regionali.

Successivamente, il Direttore del Servizio emetterà il provvedimento di rilascio o di diniego del parere di conformità.
Non sono comunque ammissibili i progetti sprovvisti di copertura finanziaria totale e non caratterizzati da autonomia funzionale delle opere.

I soggetti interessati possono anche richiedere al Servizio la modifica di schemi e tipologie impiantistiche previste nel PTA. Anche la richiesta di modifica al Piano di tutela delle acque ed ai relativi programmi regionali deve essere presentata al Servizio tutela delle acque, servizio idrico integrato.
Il Servizio procederà all'istruttoria, con eventuale sopralluogo e valuterà se le modifiche proposte sono più vantaggiose dal punto di vista ambientale, tecnico ed economico rispetto agli scenari previsti dal PTA.
Successivamente, il Direttore del Servizio provvederà, se necessario, alla modifica del P.T.A., dopodichè emetterà il provvedimento di rilascio o diniego del relativo parere.

- Ente di Governo dell'Ambito della Sardegna (EGAS);
- gestore del Servizio idrico integrato;
- altri Gestori dei Servizi idrici;
- comuni, province e loro consorzi;
- consorzi industriali;
- privati

Per l’acquisizione del provvedimento di conformità al Piano di tutela delle acque dovrà essere trasmessa specifica richiesta di rilascio del parere di competenza(articolo 25 della Direttiva regionale in materia di disciplia degli scarichi).

Alla richiesta di rilascio del parere dovrà essere allegata la seguente documentazione:
- copia cartacea e su supporto informatico del progetto definitivo dell’intervento completo di tutti gli elaborati previsti per legge con relazione integrativa di sintesi del progetto predisposta a cura del richiedente, a firma dal progettista, contenente i seguenti elementi:
- valutazione dei carichi gravanti;
- descrizione delle infrastrutture per la raccolta dei reflui (collettori) esistenti;
- descrizione delle infrastrutture di trattamento dei reflui (depuratore/i) esistenti;
- descrizione delle infrastrutture per la raccolta dei reflui (collettori) in progetto;
- descrizione delle infrastrutture di trattamento dei reflui (depuratore/i) in progetto;
- descrizione della destinazione finale dei reflui trattati;
- analisi/proposta riutilizzo reflui depurati;
- recapito scarico;
- limiti di riferimento allo scarico;
- cartografia schematica su formato Gis con database associato;
- piano economico-finanziario dell’intervento;
- copia dell’atto/i del richiedente con il quale/i si assegna l’incarico per la redazione del progetto/i in esame;
- copia dell’atto/i del richiedente con il quale/i si approva il progetto/i in esame;
- copia dell’atto con il quale il richiedente dimostra l’effettiva disponibilità di una copertura finanziaria per la realizzazione dell’intervento proposto.

Per il parere relativo a proposte di modifica del P.T.A.:
- progetto preliminare dell’intervento completo di tutti gli elaborati previsti per legge;
- relazione integrativa di sintesi del progetto predisposta a cura del richiedente, a firma dal progettista, secondo quanto previsto dal Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità, contenente tutti gli elementi già previsti per la richiesta di provvedimento di conformità, ed inoltre la quantificazione dei costi d’investimento e di gestione riferiti, per opportuno orizzonte temporale di riferimento, sia alla situazione prevista dal Piano di tutela delle acque vigente che alla proposta di modifica e gli ulteriori elementi tecnici, economici e ambientali necessari per il raffronto in termini di costi-benefici tra le diverse ipotesi d’intervento.

Presidenza
Direzione generale Agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna
Servizio tutela e gestione delle risorse idriche, vigilanza sui servizi idrici e gestione delle siccità
Via Mameli, 88 - 09123 Cagliari
Telefono: 070/6066671
Fax: 070/6066391

torna all'inizio del contenuto