Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



Misure in favore degli ex lavoratori del polo industriale di Ottana – 2019



 Ultimo aggiornamento: 08-03-2021

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoCIT5305
TIPOLOGIA
Non definito
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Avviso pubblico - Misure in favore degli ex lavoratori del polo industriale di Ottana – 2019 in attuazione della L.R. n.25 del 24.07.2018 così come integrata dall’art.6 co.39 della L.R. n.48 del 28.12.2018 e delle DGR 41/54 del 08.08.2018, DGR 7/60

Realizzazione di misure di tutela e di politica attiva del lavoro a favore degli ex lavoratori del polo industriale di Ottana, cessati dal rapporto di lavoro a seguito della liquidazione delle rispettive società e non sostenuti dagli ammortizzatori sociali ordinari e in deroga, con riferimento agli anni 2016 e 2017, che abbiano presentato istanza di concessione della mobilità in deroga completa della relativa documentazione secondo le disposizioni dell'Assessorato regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale del 27.03.2017 e che si trovino in una situazione di ridotta occupazione successiva al licenziamento. L’Avviso riconosce ai destinatari la possibilità di fruire alternativamente di una delle seguenti misure: un contributo economico una tantum oppure l’impiego nei cantieri di cui all’art. 29, co. 36 della L.R. 5/2015.

Ex lavoratori del polo industriale di Ottana, cessati dal rapporto di lavoro a seguito della liquidazione delle rispettive società e non sostenuti dagli ammortizzatori sociali ordinari e in deroga, con riferimento agli anni 2016 e 2017, che abbiano presentato istanza di concessione della mobilità in deroga completa della relativa documentazione secondo le disposizioni dell'Assessorato regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale del 27.03.2017 e che si trovino in una situazione di ridotta occupazione successiva al licenziamento.

Al momento della presentazione della domanda i destinatari devono possedere i seguenti requisiti a pena di esclusione:
1. Essere inclusi nell’elenco dei lavoratori che hanno cessato l’ammortizzatore sociale prima del 01.01.2016 o in data successiva al 31.12.2016, inviato all’ASPAL dal Servizio Lavoro dell’Assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale con nota prot. n. 46332 del 25.10.2018. L’elenco è disponibile presso i Centri per l’Impiego territorialmente competenti ai quali gli interessati potranno chiedere se il proprio nominativo è tra quelli presenti.
2. Non essere stati sostenuti dagli ammortizzatori sociali ordinari e in deroga con riferimento agli anni 2016 e 2017 così come disciplinato dalla L.R. 25/2018.
3. Trovarsi in uno stato di “ridotta occupazione”, così come definita dalla DGR n. 41/54 del 08.08.2018, ossia non aver lavorato per un arco di tempo superiore alla metà delle mensilità nel periodo compreso tra la data di cessazione del proprio rapporto di lavoro con la società del polo industriale di Ottana, e il 30.06.2018 (mese completo precedente l’approvazione della L.R. 25/2018).

Richiesta di ammissione da compilarsi secondo il format Allegato A all’Avviso pubblico corredata di una marca da bollo da € 16,00 e copia del documento di identità.

I termini di conclusione del procedimento si distinguono a seconda delle misure scelte dai destinatari.
Per coloro che sceglieranno il contributo una tantum, questo verrà erogato ai destinatari presenti nell’elenco degli ammessi al contributo in un’unica soluzione previa sottoscrizione dell’accordo di accettazione di tutte le clausole previste nel presente Avviso, entro 60 giorni solari dalla sottoscrizione dell’accordo, salvo impedimenti non imputabili all’ASPAL.
Per quanto riguarda invece coloro che sceglieranno la misura relativa all’impiego nei cantieri di cui all’art. 29, co. 36 della L.R. 5/2015, l’ASPAL avvierà le necessarie procedure rivolte agli Enti potenzialmente interessati ad attivare dei cantieri comunali. Le procedure di attivazione dei cantieri saranno pertanto definite dettagliatamente in una fase successiva.

Dalle ore 8.00 del 28.11.2019 ed entro le ore 23.59 del 09.12.2019

Per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza e' prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonche' gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalita' di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze)

€ 695.268,00 a valere sul bilancio della Regione Sardegna per l’anno 2019

La valenza economica dell’intervento è la medesima qualunque sia la scelta effettuata dal beneficiario. Il contributo economico una tantum è quantificato a partire da un tetto massimo lordo di € 17.800,00 pro capite, ridotto proporzionalmente alle mensilità di lavoro eventualmente svolte nell’arco temporale compreso tra la data di cessazione del proprio rapporto di lavoro con la società afferente al polo industriale di Ottana e il 30.06.2018.

Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro (ASPAL)
Direzione generale
Servizio politiche a favore di soggetti a rischio di esclusione
Ufficio: Ufficio relazione con il pubblico
Via Is Mirrionis, 195 Cagliari
Telefono: 070/6068058
Fax: 070/6067968
Orari di ricevimento: Informazioni e chiarimenti relativi all’Avviso possono essere richiesti al Centro per l’impiego di appartenenza del lavoratore e all’Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) dell’ASPAL, via Is Mirrionis, 195, Cagliari, tel. 0706067039 dal lunedì al venerdì, dalle ore 11:00 alle ore 13:00, e al pomeriggio nei giorni di martedì e mercoledì dalle ore 16:00 alle ore 17:00, e-mail agenzialavoro.urp@regione.sardegna.it.

torna all'inizio del contenuto