Sportello Unico dei Servizi

I procedimenti online dell'Amministrazione Regionale

Supporto :



Black list dei soggetti prestatori di garanzie in via professionale



 Ultimo aggiornamento: 28-05-2021

Stato procedimento: In corso



CODICE UNIVOCO
Codice UnivocoIMP6134
TIPOLOGIA
Iscrizioni, Registri, Graduatorie Iscrizioni, Registri, Graduatorie
LIVELLO DI INTERAZIONE
Non definito
LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE
Non definito
Invia Segnalazione Invia Segnalazione

Cosa è?

Limiti all’accoglimento delle garanzie prestate in via professionale - Formazione e aggiornamento elenco soggetti inaffidabili: Procedimento di formazione della black list

I soggetti che in via professionale prestino, a qualsiasi titolo, garanzie a beneficio dell’Amministrazione regionale possono incorrere in limitazioni nell’accoglimento di ulteriori garanzie qualora si rendano responsabili di ritardi nell’adempimento. I mancati o ritardati pagamenti producono l’inserimento in un elenco di soggetti inaffidabili che è oggetto di continuo aggiornamento e pubblicazione sul sito istituzionale della Regione.

Black list dei soggetti prestatori di garanzie in via professionale
-Limiti all’accoglimento delle garanzie prestate in via professionale
I soggetti (banche, assicurazioni e altri intermediari finanziari autorizzati) che in via professionale prestino, a qualsiasi titolo, garanzie a beneficio dell’Amministrazione regionale, delle proprie articolazioni organizzative e dei suoi enti strumentali possono incorrere in limitazioni nell’accoglimento di ulteriori garanzie con inserimento in una “black list” di soggetti inaffidabili .
L’art. 5 della L.R. 25 febbraio 2021, n.4, nel disporre l’abrogazione dell’art. 16 della L.R. 11 aprile 2016, n.5 individua le circostanze il cui verificarsi produce il rifiuto delle garanzie fideiussorie da parte dell'Amministrazione regionale, delle proprie articolazioni organizzative, dei suoi enti strumentali e società partecipate:

a) ritardo nel pagamento degli importi garantiti anche con riferimento a una sola garanzia fideiussoria;

b) mancato adempimento a seguito di ingiunzione di pagamento anche con riferimento a una sola garanzia fideiussoria.
Il ritardo nel pagamento dell’importo garantito rispetto al termine contrattualmente previsto, a seguito di escussione con semplice richiesta scritta, comporta l'esclusione dal rilascio di ulteriori garanzie per un periodo di sei mesi dalla data di accertamento dell’evento, comunicato con provvedimento dirigenziale ai singoli destinatari. Il rifiuto continua ad operare anche oltre il predetto periodo, perdurando l’inadempimento, fino alla data di effettiva e integrale soddisfazione del credito maturato.
Nel caso in cui l'inadempimento da parte del fideiussore si protragga oltre il termine previsto dall'ingiunzione di pagamento, il rifiuto da parte dell'Amministrazione regionale, delle proprie articolazioni organizzative, dei suoi enti strumentali e delle società partecipate di ulteriori garanzie offerte dal medesimo soggetto opera per un periodo di due anni dalla data di accertamento dell’inadempimento. La mancata integrale riscossione entro il predetto periodo, produce il perdurare del rifiuto fino alla data di effettiva e integrale soddisfazione del credito maturato.


-Formazione e aggiornamento elenco soggetti inaffidabili.
Ai fini della rilevazione dei mancati o ritardati pagamenti, l'escussione della garanzia fidejussoria è fatta a prima e semplice richiesta . In caso di perdurante inadempimento, l’Amministrazione regionale , le proprie articolazioni organizzative e ed i suoi enti strumentali procedono nei confronti del soggetto garante tramite notifica dell'ingiunzione di pagamento o altro titolo esecutivo emesso nei confronti del debitore principale o dell'ingiunzione di pagamento o altro titolo esecutivo emesso direttamente nei confronti del soggetto garante (ricorrendo le condizioni che determinano il sorgere dell'obbligazione in capo al medesimo).

Nel caso di cui al terzo comma, art. 5 L.R. 4/2021, assume lo stesso valore dell'ingiunzione di pagamento il provvedimento di revoca disposto ai sensi dell'art. 24, commi 32, 33 e 36, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, in materia di revoca dei benefici alle imprese nei settori dell'industria, del commercio e dell'artigianato.

Procedimento di formazione della black list
Accertato il verificarsi delle inadempienze ex art. 5 L.R. 4/2021 in capo ai soggetti che hanno prestato garanzie in favore della Regione, delle sue articolazioni organizzative e dei suoi enti strumentali, il Servizio Strumenti finanziari e governance delle entrate comunica ai medesimi l'avvio del procedimento di formazione dell'elenco assegnando il termine di 30 giorni per la presentazione di memorie e documenti.

Nella comunicazione di avvio del procedimento sono indicate le circostanze che hanno determinato l'inserimento nella black list ed è elencata la documentazione alla base del procedimento (ad esempio, determina di concessione del contributo, determina di revoca del contributo, numero e serie della polizza fideiussoria, estremi della richiesta di escussione con semplice richiesta scritta, estremi dell’ingiunzione di pagamento e data di notifica ecc), al fine di fornire ai soggetti destinatari tutti gli elementi per un immediato e puntuale riscontro. Entro i successivi trenta giorni, a decorrere dalla data di ricezione della comunicazione di avvio del procedimento, il Servizio Strumenti finanziari e governance delle entrate emette il provvedimento finale di inserimento in black list o di archiviazione del procedimento e ne da comunicazione al garante interessato.
Eventuali richieste di chiarimento e/o integrazioni documentali interrompono i termini per l’emissione del provvedimento.
Il provvedimento dirigenziale di inserimento nella black list acquista efficacia al momento della sua comunicazione ai singoli destinatari a cura del Servizio Strumenti finanziari e governance delle entrate, il quale provvede, contestualmente all’acquisizione di efficacia, a pubblicare nel sito istituzionale della Regione Sardegna la black list aggiornata, al fine di facilitarne la conoscibilità a tutte le amministrazioni interessate e ai soggetti per i quali sia prevista la presentazione di polizza fideiussoria.



-Permanenza nella black list
I soggetti garanti incorsi in una delle circostanze individuate ai commi da 1 a 3 dell’art.5 della LR 4/2021 rimangono iscritti nella black list per una durata diversa a seconda della fattispecie in cui ricade l’inadempimento. Il periodo di iscrizione varia dai sei mesi (per il ritardato pagamento a seguito di escussione con semplice richiesta scritta) ai due anni (nel caso in cui il ritardo perduri oltre il termine individuato nell’ingiunzione di pagamento); tuttavia nell'ipotesi di perdurante inadempimento, l'iscrizione permane anche oltre il predetto periodo fino alla data di effettiva e integrale soddisfazione del credito maturato.


30 giorni dall’invio della comunicazione di avvio del procedimento al destinatario

Assessorato della programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio
Direzione generale dei Servizi finanziari
Servizio strumenti finanziari e governance delle Entrate
Via Cesare Battisti s.n. - 09123 Cagliari
Telefono: 070/6064613
Fax: 070/6065789
Orari di ricevimento: Per informazioni ed accesso agli atti ⦁ prog.bilancio@regione.sardegna.it ⦁ programmazione@pec. regione.sardegna.it ⦁ 070/6065464 ⦁ 070/6064674 - Il servizio al Pubblico è momentaneamente sospeso a causa dell'emergenza sanitaria.

torna all'inizio del contenuto